Joshua ben Joseph

L  I  B  R  O

 

La preghiera e l'adorazione

Alle riunioni della sera sul Monte Garizim, Gesù insegnò molte grandi verità, ed in particolare pose l’accento sulle seguenti:

  • .La vera religione è l’atto di un’anima individuale nelle sue consapevoli relazioni con il Creatore; la religione organizzata è il tentativo dell’uomo di socializzare l’adorazione delle singole persone religiose.
  • .L’adorazione, ovvero la contemplazione dello spirituale, deve essere alternata con il servizio, con il contatto con la realtà materiale. 
  • .Il lavoro dovrebbe essere alternato con il divertimento; la religione dovrebbe essere bilanciata dall’umorismo. 
  • .La filosofia profonda dovrebbe essere alleggerita dalla poesia ritmica. Lo sforzo per vivere e la tensione della personalità nel tempo, dovrebbero essere allentate dalla quiete dell’adorazione. 
  • .I sentimenti d’insicurezza originati dalla paura dell’isolamento della personalità nell’Universo dovrebbero avere per antidoto la contemplazione per fede del Padre ed il tentativo di realizzazione dei valori supremi.

  • .La preghiera è destinata a far sì che l’uomo pensi di meno ma comprenda di più; essa non è destinata ad accrescere la conoscenza, ma piuttosto ad ampliare la percezione.
  • .L’adorazione ha per scopo di anticipare la futura vita migliore e di riflettere poi questi nuovi significati spirituali sulla vita attuale. La preghiera è un sostegno spirituale, ma l’adorazione è divinamente creativa.
  • .L’adorazione è la tecnica di rivolgersi all’Uno per ricevere l’ispirazione per servire la moltitudine. L’adorazione è il metro che misura il grado di distacco dell’anima dall’Universo materiale ed il suo attaccamento simultaneo e sicuro alle realtà spirituali di tutta la creazione.
  • .La preghiera è la reminiscenza di sé, il pensare sublime; l’adorazione è la dimenticanza di sé, il pensare superiore. L’adorazione è l’attenzione senza sforzo, il vero ed ideale riposo dell’anima, una forma di riposante esercizio spirituale.
  • .L’adorazione è l’atto di una parte che s’identifica con il Tutto; il finito con l’Infinito; il figlio con il Padre; il tempo nell’atto di mettersi al passo con l’eternità. L’adorazione è l’atto di comunione personale del figlio con il divino Padre, l’adozione di comportamenti rinfrescanti, creativi, fraterni e romantici da parte dell’anima-spirito dell’uomo.
Anche se gli apostoli compresero soltanto una piccola parte dei suoi insegnamenti al campo, altri mondi li compresero, ed altre generazioni sulla terra li comprenderanno.